Strutturare l’obiettivo con il M.A.D.E.


Iniziamo con il decidere cosa vogliamo raggiungere e soprattutto perché lo vogliamo.

Passiamo poi a fare un esercizio: prendiamo almeno dieci minuti solo per noi (chi lo preferisce può mettere un sottofondo musicale rilassante), chiudiamo gli occhi e vediamoci come se avessimo già raggiunto il nostro risultato.

Immaginiamo di proiettarci avanti nel tempo, di aver già realizzato tutto quello che volevamo realizzare:

  • Quali sono i risultati che abbiamo prodotto o che stiamo producendo in quel momento?
  • Entriamo sempre di più nell’immagine, viviamola con tutti i nostri sensi. Vediamo mentalmente la scena, mettiamola bene a fuoco: che sensazioni proviamo?
  • Cosa vogliamo ancora realizzare?
  • Rendiamo le immagini ancora più luminose, ascoltiamo bene i suoni e le sensazioni che l’immagine suscita.
  • Vediamoci come esattamente vogliamo essere.
  • Che caratteristiche ha quella immagine?
  • Quali sono le persone che ci sono vicine e come è l’ambiente intorno a noi?
  • La qualità della nostra vita è migliorata?
  • È un’immagine personale, quindi siamo noi i registi di tale immagine, realizziamola al meglio, come vorremo che fosse: come ci fa stare questa immagine?
  • Cosa c’è di particolarmente bello nell’immagine?
  • Cosa ci sta dando soddisfazione?
  • Chi trae beneficio da questi risultati, solo noi o anche altre persone?

Ora scrivi il tuo obiettivo nella sezione M (Mèta) del M.A.D.E. sotto la voce: Obiettivo.

Se l’obiettivo è veramente motivante non può non farti sentire bene, non vedrai l’ora di metterti in moto per raggiungerlo.

Al contrario, se non susciterà in te splendide emozioni forse allora è il caso di formularlo diversamente.

Attenzione: a volte può capitare che ciò che desideri sia molto motivante, può succedere allora che ti metti subito in moto, inizi immediatamente a fissarti le cose da fare con il rischio però di fare un primo passo inizialmente più grande di te, che alla lunga ti porterà a mollare, quindi andiamo per ordine.

Dopo aver visualizzato il tuo obiettivo vai ad eseguire quello che abbiamo sintetizzato con le sigle SMART – PEPSI – PRE. Di seguito il procedimento:

P.E.P.S.I.

  • Controlla che l’obiettivo sia espresso in modo Positivo,se lo è vai a crociare la casella P.
  • Controlla che l’obiettivo sia definito in modo Emozionale, se lo è vai a crociare la casella E.
  • Controlla che l’obiettivo sia espresso con il tempo Presente, se lo è vai a crociare la casella P.
  • Una volta che hai sperimentato le sensazioni legate all’obiettivo in modo Sensoriale, vai a crociare la casella S.
  • Una volta che hai Immaginato nella tua mente più volte l’obiettivo in modo da focalizzarti su esso, vai a crociare la casella I.

_______________________________

S.M.A.R.T.

  • Dopo aver specificato in modo Semplice il tuo obiettivo, vai a crociare la casella S.
  • Una volta reso Misurabile il tuo obiettivo vai a crociare la casella M.
  • Se ritieni Accettabile l’obiettivo, crocia la casella A.
  • Se ritieni Raggiungibile la tua mèta, crocia la casella R.
  • Una volta fissata la scadenza Temporale, entro la quale raggiungere ciò che vuoi, crocia la casella T e vai anche a riportare la data nel quadrante M dove è scritto Scade il.

_______________________________

P.R.E.

  • Scrivi nello spazio riservato alle azioni il Primo passo, quale sarà cioè la tua prima piccola azione da mettere in atto, da subito.
  • Una volta che hai vagliato tutte le possibilità e ritieni di essere l’unico ad assumersi la responsabilità del risultato, crocia la casella R.
  • Controlla se l’obiettivo è per te Ecologico, effettua il codice di meta comunicazione analogico “codice del si e del no”, e se lo è, crocia la casella E, altrimenti strutturalo in modo diverso.

Facciamo subito un esempio pratico.

Mettiamo che io voglia raggiungere questo obiettivo: Voglio sposarmi con l’attrice D. Moore.

Una volta scritto l’obiettivo nella sezione M, vado a verificare se rispetta le caratteristiche PEPSI, SMART e PRE.

Certamente l’obiettivo è strutturato in modo semplice, solo pensarlo mi coinvolge e mi fa star bene emotivamente, l’ho scritto usando il tempo presente, ma non mi conviene continuare perché la casella Responsabilità non posso crociarla (visto che per sposarsi bisogna decidere in due), non posso neanche crociare la casella Raggiungibile visto che al momento non conosco tale persona.

Non ho neanche fissato una scadenza precisa, quindi non è facilmente misurabile, inutile continuare, meglio cambiare obiettivo (al momento).

Come possiamo notare nel secondo esempio l’obiettivo è ben strutturato.

Per approfondimenti vai a leggere il testo di riferimento:

 Costruisci il tuo successo – metodo MADE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.